Le primarie a Milano viste da Twitter

21 gennaio 2016 - di Twig

In vista delle primarie PD a Milano, il Corriere della Sera ha pubblicato la nostra analisi di web listening sull’argomento.

Il web marketing è diventato ormai una componente ineludibile delle campagne elettorali. Il successo in una competizione elettorale dipende, anche, dalla capacità dei candidati di gestire al meglio la comunicazione online e i social network in generale.

Twig società di data mining, attraverso sofisticati strumenti di social listening, sta monitorando l’andamento della campagna elettorale in vista delle elezioni comunali.

Il confronto tenutosi al Teatro dal Verme è stata un’occasione per fare il punto della situazione e valutare il giudizio degli internauti sui principali candidati nel campo del centro sinistra.

Abbiamo analizzato le conversazioni su Twitter che facessero riferimento alle primarie di Milano nell’ultima settimana e le abbiamo messe a confronto con quelle espresse in diretta durante il dibattito fra i 4 candidati tenutosi al Teatro Dal Verme

Innanzitutto occorre dire che il dibattito sta entrando nel vivo e che l’attenzione degli utenti sta salendo via via che ci avviciniamo all’evento. Nel periodo dal 13 al 19 gennaio abbiamo raccolto circa 16 mila tweet che fanno riferimento alle primarie di Milano.

Il più attivo su Twitter è stato Sala con 94 messaggi, seguito da Majorino con 70, Balzani con 24 e Iannetta con 1 solo tweet. Vista il basso livello di attività (e di notorietà) Iannetta è stato escluso dalle analisi.

Data la circolarità dei social network è importante valutare non solo la proattività dei candidati (e dei loro staff) ma anche il coinvolgimento che sono in grado di produrre con i loro messaggi. Se si misura questo aspetto con l’engagement medio prodotto dai tweet dei candidati si ribalta la classifica: Francesca Balzani (13) ha infatti un engagement medio decisamente più alto di Giuseppe Sala (10) e di Pierfrancesco Majorino (5).

Le analisi effettuate su questa base dati mostrano come il dibattito sia di fatto incentrato su Sala, sull’opportunità o meno della sua candidatura, sul suo ruolo in Expo e sul lascito di questo grande evento internazionale.

 

Tabella 1 – Analisi del sentiment sui candidati

Tweet positivi Tweet neutrali Tweet negativi
Giuseppe Sala 45% 35% 20%
Francesca Balzani 42% 49% 9%
Pierfrancesco Majorino 38% 49% 13%

 

Ma quale è l’opinione degli utenti di Twitter sui 3 candidati principali?

L’analisi del sentiment evidenzia come Giuseppe Sala sia apprezzato nel 45% dei tweet e raccolga il 20% di messaggi negativi legati principalmente ai dubbi post Expo. Poco staccata troviamo Francesca Balzani con il 42% di tweet e infine Majorino con il 38%.

 

Gli effetti del confronto

Il primo confronto ha rappresentato un successo dal punto di vista della copertura su Twitter: l’hastag #votaMi è diventato infatti immediatamente top trend in Italia.

Nel complesso nell’arco del dibattito sono stati scritti circa 3000 tweet.

Come hanno giudicato i candidati gli utenti Twitter?

Una premessa è doverosa: il clima di fair play che si è registrato sul palco si è riverberato sulla rete dove i commenti negativi sui candidati sono di fatto molto circoscritti.

A uscire meglio dal confronto è Francesca Balzani che ottiene, fra chi esprime un giudizio su di lei, circa l’85% dei giudizi positivi e solo il 15% di negativi. Bene anche Majorino che ottiene circa il 78% di giudizi positivi e il 22% di negativi e anche Sala con il 75% di giudizi positivi.

L’unico candidato per cui prevalgono i voti negativi è Iannetta che ha ottenuto il 60% di voti negativi.

 

Tabella 2 – Analisi del sentiment sui candidati durante il dibattito

Giudizi positivi Giudizi negativi
Francesca Balzani 85% 15%
Pierfrancesco Majorino 78% 22%
Giuseppe Sala 75% 25%
Antonio Iannetta 40% 60%

 

Leggi qui l’articolo del Corriere della Sera

 

Condividi questo post

Ti è piaciuto il post?

Iscriviti alla newsletter e ricevi altri contenuti interessanti